Antonino Barcellona

Antonino Barcellona nasce nel 1970 da una famiglia di operai a Moncalieri, una città della prima cintura di Torino.

Inizia la sua carriera lavorativa all’età di 17 anni come battilastra saldatore.
Decide di non lasciare gli studi e mediante il corso serale nel 1990 si diploma come perito in telecomunicazioni.
Nel ’91 consegue dall’A.M.M.A. un post diploma come “ esperto tecnico commerciale”.

Nello stesso anno si iscrive alla C.R.I. di Nichelino e conosce un settore a lui nuovo: la sanità.
Così, nel 1993, decide di abbondonare il lavoro per iscriversi al corso di infermiere professionale a Milano e, dopo tre anni, ottiene il diploma.

Tornato a Torino, dal ’96 al ’98 lavora in diversi istituti per anziani.
Nel maggio del ’98 è assunto dall’ospedale Martini di Torino, dove lavora nei reparti di nefrologia, cardiologia, pronto soccorso e rianimazione.

Nel 2002 si sposa con Elena, una donna rumena, da cui ha due bambini Matteo e Luca.

Dal 2004 chiede e ottiene dall’azienda il part time al 50%, il restante 50%, lavora come libero professionista in diversi ambiti lavorativi, tra cui le comunità per anziani, per tossicodipendenti e per disabili.

Thumbnail

Antonino Barcellona nasce nel 1970 da una famiglia di operai a Moncalieri, una città della prima cintura di Torino.

Inizia la sua carriera lavorativa all’età di 17 anni come battilastra saldatore.
Decide di non lasciare gli studi e mediante il corso serale nel 1990 si diploma come perito in telecomunicazioni.
Nel ’91 consegue dall’A.M.M.A. un post diploma come “ esperto tecnico commerciale”.

Nello stesso anno si iscrive alla C.R.I. di Nichelino e conosce un settore a lui nuovo: la sanità.
Così, nel 1993, decide di abbondonare il lavoro per iscriversi al corso di infermiere professionale a Milano e, dopo tre anni, ottiene il diploma.

Tornato a Torino, dal ’96 al ’98 lavora in diversi istituti per anziani.
Nel maggio del ’98 è assunto dall’ospedale Martini di Torino, dove lavora nei reparti di nefrologia, cardiologia, pronto soccorso e rianimazione.

Nel 2002 si sposa con Elena, una donna rumena, da cui ha due bambini Matteo e Luca.

Dal 2004 chiede e ottiene dall’azienda il part time al 50%, il restante 50%, lavora come libero professionista in diversi ambiti lavorativi, tra cui le comunità per anziani, per tossicodipendenti e per disabili.

Visualizzazione del risultato

Pin It on Pinterest

Share This