La cupola dei coccodrilli

Autore:

Complotti e vendette nel sordido mondo della pedofilia

COD: 9788869492143 Categoria: Tag: , , Autore:

Descrizione

Romanzo giallo contro i pedofili: quando la fantasia poggia su una triste realtà

Il seguito di La villa dei coccodrilli

Chi sono i coccodrilli?

Sergio Mandelli, giovane chirurgo, e Mario Bucciantini, Sostituto Pubblico Ministero, sono due giovani che, per ruoli e casualità dicverse, stanno molto scomodi alla cricca internazionale di incalliti pedofili.
Questi dispongono di risorse illimitate e cercheranno in ogni modo di liberarsi dei fastidiosi avversari.
Il piano è accurato e coinvolge diversi personaggi dal curriculum criminale, ma anche insospettabili alti papaveri della politica.
Il finale, imprevedibile nella miglior tadizione poliziesca, metterà tutto in ordine… fino alle interferenze insabbiatrici di cui siamo abituali testimoni.

Non solo fantasia

Maurizio Bruni, medico nella vita di tutti i giorni, ha rivestito ruoli nell’Amministrazione provinciale milanese.

in questo secondo romanzo, rivela maturità nell’equilibrio degli avvenimenti che si succedono a ritmo serrato. Assicura di aver attinto a piene mani dalle sue conoscenze accumulate in anni di militanza politica, ma di averle occultate abilmente. Anche per questo il romanzo diventa uno specchio dell’ambiente politico-amministrativo, con i suoi pochi pregi e moltissimi inenarrabili difetti.
Nella professione e nella vita, Maurizio Bruni si è dovuto confrontare con l’odioso fenomeno della pedofilia. Nel momento in cui ha deciso che gli paceva scrivere, ha trovato facile ispirazione e il frutto è questo romanzo giallo contro i pedofili. Dopo La villa dei coccodrilli, è i secondo di una serie che, a quanto traspare da indiscrezioni, ha già quasi pronto il terzo.

La copertina è stata realizzata dall’illustratrice Nikka Cendak.

Formato: epub (410 kb).156 pagine.
Libro cartaceo: 190 pagine.

Maurizio Bruni, medico, è anche autore di numerosi saggi di medicina. Con Mnamon ha di recente pubblicato, insieme alla figlia Emanuela, L’invalidità civile.

Ti potrebbe interessare…

Pin It on Pinterest

Share This