Miscellanea Parvula – Scritti minori di Mino De Chirico

Autore:

Scritti e poesie, sugli uomini e sugli animali, di Mino De Chirico, raccolti ed ordinati da Tommaso De Chirico

Descrizione

Scritti e poesie, sugli uomini e sugli animali, di Mino De Chirico, raccolti ed ordinati da Tommaso De Chirico a 26 anni dalla scomparsa del fratello.

Pagine chiuse

Dalla presentazione di Tommaso De Chirico

Tommaso De Chirico ha curato con amore e dedizione l’edizione della raccolta degli scritti e delle poesie del fratello Mino. Dalla sua prefazione:

«Pagine chiuse di un libro donato». Era questo il titolo completo delle pagine di prosa di Mino.
Quando, per la prima volta – tanti anni fa – ne sfogliai il dattiloscritto, quel titolo mi fu incomprensibile. Perché «chiuse»? E perché «donato»?
Mio fratello aveva una personalità profonda, istintiva, rapida nel cogliere il significato reale di quanto ancora andava nascendo, in sé e negli altri.
Amava ripetere una frase (di Baudelaire, credo): «Diffidate del primo impulso, perché è quello migliore!»…

Tommaso è a sua volta prolifico scrittore. Spazia dalla saggistica dedicata alla Medicina naturale, alla storiografia con le biografie e gli scritti sul Conte di Cagliostro.

Dalla premessa di Piero Lotito

Dal racconto di interni metropolitani ai passaggi sulle ipocrisie d’una Milano borghese che incarcera i suoi giovani bruciati, ciò che De Chirico ha lasciato è una narrazione scabra ed energica, ma sempre pervasa d’una poetica luminosità che non poteva non nascergli da quel lontano suo pugliese «grande sole/ che brucia/il mio cielo/che stermina il dolore».

Le pagine dedicate ai fratelli minori

Dalla prefazione di Luigi Macoschi della Lega Antivivisezionista Nazionale

Il libro di Mino De Chirico vuole questo: denunciare alla pubblica opinione l’ingiusto predominio dell’uomo sugli esseri più deboli del creato: i «fratelli minori», come li chiamavano San Francesco d’Assisi e Tolstoj, Papa Paolo VI, ecc.
Se è vero che in questa lotta l’uomo ha messo un particolare accanimento ed ha dimostrato tratti inconfondibili di ferocia, è pur vero che qualcosa in lui si è sempre ribellato contro quest’istinto di distruzione e morte, Non c’è cacciatore che non abbia, almeno una volta, provato un brivido inspiegabile dinanzi al mite occhio sbarrato di un animale abbattuto, o al volo spezzato di un uccello in fuga disperata verso la libertà.
Ricordo, da bambino, il nostro macellaio, un uomo burbero ed aspro, che, per ammazzare un agnellino, aveva bisogno, prima, di prendersela con qualcuno, litigando con un pretesto qualsiasi.

Una raccolta completa

Il sommario degli scritti e poesie, in una visione complessiva degli argomenti variegati che propone al lettore:

Presentazione e commento del Curatore
Pagine chiuse di un libro donato
Presentazione
Premessa
Pagine chiuse
La casa
Gli Amici
L’Amore
Bagliori
I Fratelli minori: fatti di animali e di uomini
Prefazione
Ringraziamenti
Animali
Uomini
Due poesie giovanili
Poesie ad Arlesheim
Rientro: scritto autografo

Formato: epub (670 Kb). 206 pagine.
Cartaceo: 218 pagine.

In copertina un disegno di Simonetta Marzioli

Ti potrebbe interessare…

Pin It on Pinterest

Share This