Bruno Salvatore Lucisano

Nato a Staiti nel 1952, risiede con la famiglia a Brancaleone (RC).

Appassionato di cultura e tradizioni popolari, ha scritto diverse commedie in dialetto, più volte rappresentate: “Pipiromania”, “U batteru”, “U granatu”, “A segheria”, “Furtunatu?” “Peppa a Molla”.
Ha scritto inoltre i poemetti, anch’essi in dialetto: “A di vinu cummeddia”, “A purga i Toriu”, “U Paradisu?”.
Ha pubblicato quattro libri di poesia, “Na carizza na parolazza”, “I sumeri”, “Scutagangali”, “Jjanda mara” e il primo volume di detti e proverbi, “I Melitu a Locri”.

I suoi scritti sono in numerosi libri, antologie, testi scolastici:
“Grammatica dei dialetti” di Vincenzo Crispino ed. Centro studi Brutium Catanzaro; Letteratura calabrese per le scuole medie di Pasquino Crupi ed. Pellegrini Cosenza; “La ndrangheta nella letteratura calabrese” di Pasquino Crupi ed. Pellegrini Cosenza; “Antologia degli scrittori calabresi” ed. Centro studi bruttium Catanzaro; Antologia “Premio Belmoro” Reggio Calabria; Antologia “Il Federiciano” ed. Aletti Roma; Antologia “Traguardi” ed. Carello Catanzaro; Antologia “Vuci i Calabria” ed. Arte 26 Castrovillari; Antologia “Non abbiate paura” ed. Ursini Catanzaro; Antologia multimediale “Nosside” ed. La città del sole Reggio Calabria; Antologia “Non si cuntanu i ciri nta l’artari” Don Milani ed. CFR Piateda (SO).

Ha vinto diversi concorsi di poesia tra i quali: Premio nazionale “Belmoro” 2004/2009; “Marinai d’Italia città di Locri” 2003; DLF “Italo Falcomatà” RC 2006; “Paleaghenea” Rogudi 2009; Festival del dialetto Castrovillari 2010; Premio mondiale di poesia “Nosside” 2010, con la poesia “Canni i lupara”, tradotta in cinque lingue; Premio “Delia d’oro” Bova Marina, 2011; Premio “Sellion” 2012 a Sellia (CZ) con la poesia “N’attra guerra”, incisa su pietra e affissa al muro sulla via della poesia.
In altri concorsi ha ricevuto classificazioni e riconoscimenti: Terzo classificato al premio Madre Teresa di Calcutta 2012 di Reggio Calabria; Premio speciale della giuria “Incontriamoci sempre” per la poesia “Ch’era longu jju trenu”, 2011; Vincitore del premio “Laurentum” online 2011; noltre, innumerevoli piazzamenti e menzioni speciali.

Ha fondato, con alcuni amici, l’Associazione Brancaleone Cultura della quale è tutt’ora Presidente.
L’Associazione si è occupata della vita di Cesare Pavese, nel periodo in cui era confinato a Brancaleone, organizzando quindici “giornate pavesiane” e, curando l’annullo filatelico per i cent’anni della morte del poeta e scrittore.

Thumbnail

Nato a Staiti nel 1952, risiede con la famiglia a Brancaleone (RC).

Appassionato di cultura e tradizioni popolari, ha scritto diverse commedie in dialetto, più volte rappresentate: “Pipiromania”, “U batteru”, “U granatu”, “A segheria”, “Furtunatu?” “Peppa a Molla”.
Ha scritto inoltre i poemetti, anch’essi in dialetto: “A di vinu cummeddia”, “A purga i Toriu”, “U Paradisu?”.
Ha pubblicato quattro libri di poesia, “Na carizza na parolazza”, “I sumeri”, “Scutagangali”, “Jjanda mara” e il primo volume di detti e proverbi, “I Melitu a Locri”.

I suoi scritti sono in numerosi libri, antologie, testi scolastici:
“Grammatica dei dialetti” di Vincenzo Crispino ed. Centro studi Brutium Catanzaro; Letteratura calabrese per le scuole medie di Pasquino Crupi ed. Pellegrini Cosenza; “La ndrangheta nella letteratura calabrese” di Pasquino Crupi ed. Pellegrini Cosenza; “Antologia degli scrittori calabresi” ed. Centro studi bruttium Catanzaro; Antologia “Premio Belmoro” Reggio Calabria; Antologia “Il Federiciano” ed. Aletti Roma; Antologia “Traguardi” ed. Carello Catanzaro; Antologia “Vuci i Calabria” ed. Arte 26 Castrovillari; Antologia “Non abbiate paura” ed. Ursini Catanzaro; Antologia multimediale “Nosside” ed. La città del sole Reggio Calabria; Antologia “Non si cuntanu i ciri nta l’artari” Don Milani ed. CFR Piateda (SO).

Ha vinto diversi concorsi di poesia tra i quali: Premio nazionale “Belmoro” 2004/2009; “Marinai d’Italia città di Locri” 2003; DLF “Italo Falcomatà” RC 2006; “Paleaghenea” Rogudi 2009; Festival del dialetto Castrovillari 2010; Premio mondiale di poesia “Nosside” 2010, con la poesia “Canni i lupara”, tradotta in cinque lingue; Premio “Delia d’oro” Bova Marina, 2011; Premio “Sellion” 2012 a Sellia (CZ) con la poesia “N’attra guerra”, incisa su pietra e affissa al muro sulla via della poesia.
In altri concorsi ha ricevuto classificazioni e riconoscimenti: Terzo classificato al premio Madre Teresa di Calcutta 2012 di Reggio Calabria; Premio speciale della giuria “Incontriamoci sempre” per la poesia “Ch’era longu jju trenu”, 2011; Vincitore del premio “Laurentum” online 2011; noltre, innumerevoli piazzamenti e menzioni speciali.

Ha fondato, con alcuni amici, l’Associazione Brancaleone Cultura della quale è tutt’ora Presidente.
L’Associazione si è occupata della vita di Cesare Pavese, nel periodo in cui era confinato a Brancaleone, organizzando quindici “giornate pavesiane” e, curando l’annullo filatelico per i cent’anni della morte del poeta e scrittore.

Visualizzazione del risultato

Pin It on Pinterest

Share This