Corrado Slemer

Corrado Slemer nasce a Verona il 3 ottobre del 1955.
Chitarrista dilettante fin dal 1969, intraprende tale attività in modo professionale nel 1973 per lasciarla trent’anni dopo in una sorta di prepensionamento volontario.

Contemporaneamente alla musica coltiva anche la passione per l’arte figurativa, fino a dedicarsi a tempo pieno alla realizzazione di quadri dal 2003.

Cultore per il proprio piacere personale di semantica lessicale, lettere e filosofia si dedica per diletto alla stesura di brevi racconti, aforismi e poesie, fino a dar vita ad un vero e proprio romanzo tra il 2001 e il 2003 (libro da lui stesso giudicato troppo acerbo e perciò, ad oggi, ancora inedito).

Al romanzo “Fanculo”, fra pause, revisioni e ripensamenti, dedica più di dieci anni di lavoro, fino a pervenire alla decisione di pubblicarlo solo in formato digitale, non escludendo però a priori l’eventualità di una pubblicazione cartacea in un prossimo futuro.

Thumbnail

Corrado Slemer nasce a Verona il 3 ottobre del 1955.
Chitarrista dilettante fin dal 1969, intraprende tale attività in modo professionale nel 1973 per lasciarla trent’anni dopo in una sorta di prepensionamento volontario.

Contemporaneamente alla musica coltiva anche la passione per l’arte figurativa, fino a dedicarsi a tempo pieno alla realizzazione di quadri dal 2003.

Cultore per il proprio piacere personale di semantica lessicale, lettere e filosofia si dedica per diletto alla stesura di brevi racconti, aforismi e poesie, fino a dar vita ad un vero e proprio romanzo tra il 2001 e il 2003 (libro da lui stesso giudicato troppo acerbo e perciò, ad oggi, ancora inedito).

Al romanzo “Fanculo”, fra pause, revisioni e ripensamenti, dedica più di dieci anni di lavoro, fino a pervenire alla decisione di pubblicarlo solo in formato digitale, non escludendo però a priori l’eventualità di una pubblicazione cartacea in un prossimo futuro.

Visualizzazione del risultato

Pin It on Pinterest

Share This