Ma allora come si fa una buona copertina?

Leggi i consigli di una vera esperta

JDJD Smith, graphic designer, editore e scrittrice, ha scritto diversi articoli sulla copertina e la sua progettazione. In questo articolo approfondisce l’importanza di una copertina di impatto e dal look professionale.

Si può vendere di più grazie alla copertina?

La risposta è sì, senza indugio e senza dubbio. Ciononostante gli autori si preoccupano poco di questa che è la prima presentazione del libro, che determina il primo impatto con il lettore, nel bene e nel male.
L’importanza del progetto della copertina per i libri è diventata un argomento ovvio in conseguenza della numerosità delle pubblicazioni e del guadagno che deve derivare dalle vendite dei libri. La composizione di un libro ha un elemento fondamentale nella sua copertina.

Molti scrittori considerano ormai seriamente la necessità di dare un package adeguato ai loro libri. Una bella copertina non è più “fa piacere averla”, bensì “essenziale e determinante” in un mondo sempre più competitivo.

Le librerie espongono i libri con le copertine in vista: è la prima cosa che il cliente-lettore vede. Attratto o incuriosito, prende in mano il libro e legge la sinossi e lo sfoglia. Anche l’autore può essere riconosciuto, se presentato con un particolare font o colore o dallo stile della copertina, se questa ricorda una serie.

Dunque è solo se prende in mano il libro che leggerà la fascetta con il riassunto che l’autore ha scritto con attenzione. Ci hanno pensato sopra per ore, levigando ogni parola per rendere comprensibile il contenuto. Sono anche importanti le recensioni, i pareri di altri lettori, avere un’audience affezionata. Ma qui si parla della “confezione” che non deve compromettere, bensì aiutare ogni altro elemento.

La struttura del libro o dell’e-book

Non molto tempo fa c’era una teoria diffusa, che le copertine fossero meno importanti per gli e-book, dato che non si trattava di libri materiali, fisici.

Al contrario, le regole che si applicano alle librerie valgono anche per i siti online che vendono libri. Puoi cercare oppure ricevere una newsletter, ma la prima cosa che ti salterà all’occhio è la copertina o una serie di copertine. Invece di prendere in mano il libro per leggere la sinossi, cliccherai sulla copertina ottenendo lo stesso effetto e potrai leggere l’anteprima.
Titolo ed autore nelle librerie online sono scritti con lo stesso font, la stessa dimensione e l’identico colore di carattere per tutti i libri. Pertanto oggi ci chiediamo “Questa copertina funziona anche nelle ridotte dimensioni (thumbnail) di uno schermo di computer?”

Una copertina di un libro è la sua faccia, genera aspettative.
Se il lettore vede una copertina professionale, si aspetterà che il contenuto sia all’altezza. Ma se gli appare di poco conto, immaginerà che anche la storia lo sia, che non ci sia stato un editing adeguato e paventerà una prosa scadente. Se ha questo tipo di reazione, perché dovrebbe comprare quel libro, investire del tempo a leggerlo? Un libro richiede parecchie ore per essere letto; la decisione di leggere un libro anziché vedere un film o un programma alla TV è presa con minor leggerezza. Il mio tempo è prezioso e più dubbi ho sul materiale che c’è, tanto più agirò con cautela.

La cura dell’editore

I grandi editori spendono migliaia di euro per assicurare una copertina corretta, commissionando il lavoro a illustratori, fotografi, grafici. È per loro normale avere 50 o più copertine alternative, così da scegliere quella giusta al 100%. Per questo, di frequente dispongono anche di una copertina diversa per nazioni diverse o per differenti mercati. Sanno che è possibile vendere di più grazie alla copertina.
Ciò non significa che gli autori o gli editori “minori” non possano realizzare copertine parimenti professionali. Una forte relazione di collaborazione tra autore e designer arriva a produrre un personale e spettacolare risultato. Ma attenzione: un cattivo designer e un autore inesperto possono condurre a risultati disastrosi.

Mnamon ringrazia JD Smith per aver concesso di tradurre e pubblicare il suo articolo.

Come Mnamon affronta la composizione delle copertine e dei libri.

Pin It on Pinterest

Share This