Come si scrive una sinossi efficace? La sinossi, o riassunto, del libro angustia molti scrittori. Quanto deve essere lunga? Deve raccontare o fare le lodi del libro? Chi la deve scrivere, l’autore o l’editore?
Ma che cos’è una sinossi? La sinossi (anche sinopsi) è un compendio o riassunto di un’opera letteraria che permette di avere sott’occhio le sue parti essenziali.
Non è quindi il riassunto dell’opera letteraria. Tuttavia bisogna inserire gli elementi più significativi della trama del libro.

Inoltre occorre distinguere le categorie dei libri: le poesie richiedono un aproccio diverso dalla narrtiva e questa dai saggi.

Ma lasciamo la parola agli esperti. A questi interrogativi risponde Richard Riley, specialista di Marketing degli autori e dei libri, lui stesso autore di libri e di numerosi articoli.

COME SCRIVERE UNA SINOSSI

Uno degli elementi cruciali per vendere un libro è anche probabilmente il più difficile da creare per l’autore. La sinossi del libro è la presentazione, la chance per agganciare il lettore, che costringe a spalancare il coperchio per soddisfare la propria curiosità. Anche in ambiente online, la descrizione del libro può essere il ponte per superare l’abisso che esiste tra l’essere solo un altro titolo nel mare delle scelte possibili o diventare un libro che vale la pena di essere letto.
Il problema è che molti autori considerano difficile scrivere una buona sinossi. La ragione principale è che non vogliono “lasciar fuori” niente. Come creatori, hanno un istinto naturale a stipare il più possibile del materiale nella descrizione. Al contrario, troppi dettagli la rendono confusionaria e inefficace.

Gli elementi per una descrizione del libro

Essendo io uno che ha fallito e trionfato nel campo delle sinossi, ecco cosa ho imparato da una serie di errori e di tentativi. Chiamatele regole, suggerimenti o vaneggiamenti di un autore divenuto pazzo, ma ho raccolto queste dritte osservando e consultando altri autori, auto-pubblicati o pubblicati tradizionalmente.

Creare l’impatto giusto sul lettore è il vostro principale obiettivo. Che cosa spingerà il lettore a desiderare di saperne di più? Che cosa lo motiverà ad aggiungere il libro al suo carrello degli acquisti?

Ricordate anche che tate cercando di evocare sentimenti ed emozioni con la vostra sinossi, gli stessi che il libro provoca.

5 Regole chiave

  1. Non inserite le trame secondarie. Quando vi accingete a scrivere la sinossi, la sola cosa che conta è la trama o il tema principale. È questo tutto ciò che conta. Includere qualsiasi cosa in più vi porta a un loop senza fine di “cosa è successo dopo” che annacqua la vostra descrizione. Qual è la principale azione che muove il vostro libro?
  2. Tenetevi entro 150 parole. Questo, non ho dubbi, provocherà malumori e lamenti tra molti autori. Sintetizzare un libro di decine o centinaia di pagine in sole 150 parole sembra impossibile, giusto? No! In realtà sono del parere che dovreste saper condensare il libro in un’unica breve frase. Ricordate, non dovete cimentarvi con lo sviluppo dei caratteri dei personaggi e le sotto-trame. Pertanto tutte quelle decine e centinaia di parole necessarie per le accurate descrizioni all’interno del libro, non lo sono quando vi interfacciate con la sinossi. In sintesi, di cosa parla il vostro libro e che cosa può interessare il vostro lettore?
  3. Scrivete in terza persona, al presente. Quand’anche il vostro libro si svolgesse nel passato, la sinossi no. State descrivendo il libro come se foste seduti di fronte a un lettore che vi avesse chiesto di cosa parla il libro. Non gli parlereste al passato, ovvio. Inoltre dovete parlare in terza, anche se il libro è narrato in prima persona.
  4. Usate le parole “emozionali”. Per far nascere le emozioni avete bisogno di parole potenti, come tormentato, carismatico, passione, ossessione, terrore, eccetera. Ce ne sarebbero troppe da citare, ma una veloce ricerca con “parole potenti” su internet troverà centinaia di queste parole tra le quali scegliere. State però attenti a non abusarne, usatele con risparmio e con furbizia. Se dovessi dare un numero, direi che in una sinossi di 125 parole, dovreste usarne 6-10 potenti.
  5. Non siete voi l’autore. Non state scrivendo la sinossi come l’autore del libro, ma come l’editore. Scrivetela dunque con la testa, non con il cuore. Ricordate: la sinossi è strumento di marketing, non letteratura.

Suggerimenti finali per la vostra sinossi

snoopy scrive: Come si scrive una sinossi efficaceQuesti sono i miei cinque suggerimenti. Un’altra pratica da adottare è di leggere il maggior numero possibile di sinossi del genere del libro. È un buon modo per capire lo standard dell’editoria. Infatti quelle sinossi diventano uno standard per una ragione: fanno vendere libri.

Non state scrivendo la sinossi per l’ultima di copertina. La state scrivendo per il vostro social network. È la descrizione nelle informazioni biografiche. Serve per i dépliant ed altri materiali da stampare, eccetera.

Non è solo per voi, ma per coloro che vi seguono, i vostri fan. Una sinossi concisa è facile da copiare ed incollare nelle email destinate a parenti ed amici o, a loro volta, nelle pagine di facebook e altri network. Pensate ad una sinossi che possa essere trasmessa e diffusa, facile da condividere, con il risultato di uno strumento aggiuntivo nella vostra campagna di diffusione.

Vi lascio con un ultimo suggerimento. Potrete sbagliare la prima volta che scriverete la sinossi, è normale, è un’altra fase del processo. Man mano che scriverete altre versioni, non cancellate le precedenti. Io mi sono accorto che la combinazione dei primi con gli ultimi tentativi fa trovare qualcosa che vale.
Buona fortuna e felici vendite!

Richard Ridley per CreateSpace di Amazon
Tradotto da Mnamon

Pin It on Pinterest

Share This