/public_html/wp-content/themes/Divi/header.php,12153,1571230782000

Cecco all’assedio di Fornoli

Autore:

6,00

Cecco Angiolieri fugge l’assedio di Fornoli e cerca scampo agli orrori della guerra medievale nel vino, nelle donne e nel gioco

COD: 9788869494949 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Un fortunato ritrovamento

Molti anni sono passati da quando, nell’agosto del 1975, “[…] mentre erano in corso alcuni lavori di restauro nell’antica casa colonica dell’Arnajo, nella campagna di Sassofortino […]”, vennero alla luce, protetti da un involucro di tela e pece, i componimenti di Bonario da Sassoforte, “[…] un poeta sconosciuto, dunque, che, dalla materia trattata, dev’essere vissuto nella prima metà del Trecento […]”.

Molti anni sono passati, si diceva, e, ancora, in seguito a lavori di ristrutturazione dell’ala est del podere – lavori eseguiti dall’ottimo e competente muratore albanese Alfred Uka –, è venuto alla luce un nuovo componimento poetico.

Inattesa e grande è stata la sorpresa, ma ancor più grande è stato lo stupore nello scoprire che il poemetto – perché di questo si tratta – non porta la firma di Bonario, ma quella decisamente più prestigiosa di Cecco Angiolieri.

Così Gioxe De Micheli, curatore de I canti dell’Arnajo di Bonario da Sassoforte, introduce la canzone delle gesta di Cecco Angiolieri all’assedio di Fornoli.

Cecco in realtà tenta di schivare l’assedio e si rifugia tra le cose che ha care: il vino, le donne, il gioco.

L’ombra di Dante Alighieri è sullo sfondo e insidia Cecco che risponde a contrasto in una tenzone citata in postfazione.

Cecco rifiuta l’assedio, la guerra, l’ideologia dei cavalieri e dei signori del suo tempo.

Contesta Dante – non la sua poesia – perché di quella civiltà si è fatto alfiere.

Ama starsene per conto suo, in felice compagnia.

Tre cose solamente mi so ’n grado,
le quali posso non ben men fornire:

ciò è la donna, la taverna e ’l dado;
queste mi fanno ’l cuor lieto sentire.

Cecco all’assedio di Fornoli si compone di introduzione, poema (con le note a corredo) e postfazione.

La mappa dei luoghi toccati da Cecco nella Maremma grossetana, è opera di Gioxe De Micheli.

 

Formati

Edizione a stampa, pagine 30

eBook: epub, 1,1 Mb

Ti potrebbe interessare…

Pin It on Pinterest

Share This